Il lampadario

L'evoluzione del lampadario dal XVIII al XIX secolo.

INTRODUZIONE

Solitamente si definisce un arredo da palazzo come avente stile “barocco”. Spesso si intende con barocco qualunque cosa abbia un aspetto molto lussoso e decorato, ma osservando con piu attenzione notiamo che presentano stili differenti.

La Reggia di Caserta per la sua storia e per le sue vicissitudini dà, appunto, al visitatore la straordinaria opportunità di scoprire le differenze e l’evoluzione del gusto dallo stile tardo-barocco sino ai revival ottocenteschi.

Per conoscere gli elementi che distinguono ogni stile

BAROCCO / LUIGI Xiv - (1600?-1720?)

Lampadario in legno

reggia di caserta lampadario barocco cappella palatina

Lampadario della Cappella Palatina

Caratteristiche
Lampadario barocco in legno dorato con decorazioni a foglie d’acanto e fiori nella parte superiore. è sostanzialmente barocco nonostante gli elementi vegetali tipici Rococò.
Curiosità
è completamente fatto di legno scolpito

ROCOCÒ / LUIGI XV - (1700?-1770?)

Lampadario con pomodori

Caratteristiche

L’essere decorato con intreccio di rami e foglie e con pomodori, quindi con elementi vegetali, è tipico dell’epoca Rococò, in quanto si cercava una maggior rilassatezza ed il ritorno alla natura, in luogo della simmetria e del controllo assoluto tipico dell’epoca Luigi XIV.  Scopri di piu su questo lampadario

Curiosità

Le decorazioni sono fatte in rame dorato

Lampadario di Murano

Lampadario della Sala delle Udienze

Caratteristiche

Questo lampadario tipicamente veneziano, è decorato con fiori ed altri elementi vegetali tipicamente Rococò,nella prima metà del ‘700 si cercò una maggior rilassatezza ed il ritorno alla natura, in luogo della simmetria e del controllo assoluto tipico dell’epoca Luigi XIV.

Curiosità

Sulle braccia era possibile inserire a piacere i ciondoli decorativi, esattamente come oggi si fa con i “charm” nei braccialetti.

NEOCLASSICO / LUIGI XVI - (1770?-1804?)

Lampadario in cristallo molato

Lampadario della Sala di Vestizione del Re

Caratteristiche

La forma di base è ancora quella Rococò, ma l’aspetto è molto lineare e senza elementi floreali. Gli elementi decorativi sono di forma geometrica ed in cristallo molato.

Curiosità
I lampadari neoclassici, usando il cristallo invece del vetro, sono molto più pesanti. Nel cristallo, infatti, c’è sempre una parte di piombo nella miscela.

Sospensione ad olio

Caratteristiche
Lampada ad olio da soffitto a forma di vaso romano con scanalature. E’ sorretto da tre catene con alla base tre uccellini.
Curiosità
La forma nasce osservando i reperti e gli affreschi delle città; di Ercolano e Pompei.

IMPERO (TARDO NEOCLASSICO) - (1804-1840)

Lampadario ImPERO

Lampadario della Anticamera dei Baroni

Caratteristiche

Lampadario tipico dello stile Impero di Napoleone. Notare gli elementi in cristallo di forma tonda ed allungata derivati dal’equivalente neoclassico. La struttura di base ricorda quella della lampada ad olio citata sopra.

Curiosità

La struttura in bronzo dorato e gli elementi in cristallo al piombo, fanno si che questo genere di lampadari abbia un peso estremamente elevato

lAMPADARIO A CILINDRO

Caratteristiche

Di forma cilindrica in bronzo a 12 luci. Forma lineare, elementi neoclassici (fascia decorativa inferiore dritta, corone di alloro).

Curiosità

Nonostante le piccole dimensioni contiene una grande quantità di fonti di luce

REVIVAL VITTORIANI - (1840-1900)

Lampadario Neobarocco

Lampadario della Sala degli Alabardieri

Caratteristiche

Stile neo-barocco. Nonostante l’aspetto massiccio tipico dello stile, ha le decorazioni naturalistiche tipiche Rococò, i festoni nella parte inferiore di epoca neoclassica. Il mix di stili diversi è tipico dell’800, e l’aspetto finale è piu appariscente di un equivalente di epoca Luigi XIV.

Curiosità

Furono aggiunti dopo l’Unità d’Italia molto probabilmente in sostituzione di altri antichi portati via

Lampadario Neobarocco

Caratteristiche

Il sostegno centrale ritorto è barocco, le braccia Rococò, la parte centrale ha una fascia neoclassica a motivi ripetuti e foglie d’acanto, mentre in cima c’è una decorazione zoomorfa.

Curiosità

La colonna ritorta è tipicamente barocca, e ricorda, ad esempio, quella del baldacchino della basilica di San Pietro in Roma, ad opera del Bernini.

Lampada a sospensione neogotica

Lampadario della Cappella di Papa Pio IX

Caratteristiche

Di stile neogotico in argento ed argento dorato. La datazione ottocentesca è evidente soprattutto nella parte superiore, dove si notano le palme stilizzate di stile impero, le applicazioni a forma di lettera “S” Rococò. Un oggetto medioevale non può avere decorazioni del XVIII secolo, quindi è di epoca vittoriana.

Curiosità

Tra le tante mode del passato, ci fu anche quella per il gotico medioevale, ma addolcito secondo il gusto dell’epoca 

Reggia di Caserta - Sito non ufficiale
Don`t copy text!
Torna su