Anticamera per i non titolati (detta Sala di Alessandro)

La Sala di Alessandro fu usata inizialmente come Sala del Trono

Descrizione

L’Anticamera per i non titolati” cioè per le persone comuni, conosciuta oggi come Sala di Alessandro, fu utilizzata come sala del Trono fino a costruzione della nuova, che avvenne solo nel 1845. Tale sala fu la più modificata nel tempo, sia in fase di realizzazione che dai vari sovrani.

reggia di caserta sala di alessandro anticamera dei non titolati

La Sala

Decorazioni ed arredi

L'affresco

L’Anticamera per i non titolati” è oggi conosciuta come Sala d’Alessandro per via dell’affresco con “Le nozze di Alessandro Magno e Rossane” dipinto da Mariano Rossi nel 1786, pittore molto rinomato nell’ambito dell’Accademia di San Luca, nella cerchia del Bottani e dall’Albani e acquistando notevole fama presso la committenza illuminata della fine del Settecento. Scopo dell’affresco era, ovviamente, celebrare i fasti della Dinastia Borbonica.

L’affresco, pagato 5000 ducati, raffigura un corteo di uomini e donne, riccamente abbigliati, per celebrare i fasti della monarchia borbonica e le alleanze matrimoniali che garantiscono la sopravvivenza della dinastia e la pace nel regno. Il rifiorire della pace è simboleggiato dalle divinità Bacco, Marte ed Ercole a riposo tra le fiere mansuete.

Nacquero problemi tra l’architetto Carlo Vanvitelli ed il pittore Mariano Rossi. Infatti, terminato l’affresco, l’esile ordine corinzio delle pareti sembrò troppo esile per esser proporzionato al gigantismo delle figure rappresentate. L’architetto non volle distruggere il bellissimo cornicione già ultimato e preferì modificare la colonna piatta rendendola più massiccia abbandonando l’ordine corinzio.

Lo stesso Mariano Rossi riceverà, nel 1805, l’incarico di anche i due grandi dipinti entro le cornici a stucco, intagliate da Carlo Beccalli e Giuseppe Zappi, non realizzati per la sopravvenuta morte del pittore.

Riduci com'era prima Continua a leggere

L’affresco

L’affresco è di ben 400 metri quadri!

Un angolo della Sala

Dettaglio della cornice del soffitto

La decorazione della sala

Quando Ferdinando fuggì in Sicilia la sala non era compiuta, ma lo fu sotto il regno di Gioacchino Murat (1805-1815), il quale vi fece eseguire sei sovrapporte in altorilievo con episodi della sua vita mentre, sulle pareti maggiori dove si prevedevano dipinti dello stesso Mariano Rossi (morto nel frattempo), volle che fossero dipinti:

  • Heinrich Schmidt (1757-1821) - “La Capitolazione di Capri”
  • Rudolph Suhrlandt (1781-1862) - “La Battaglia d’Eylan”

Col ritorno dei Borbone le sovrapporte e gli affreschi celebrativi di Murat, ovviamente, furono distrutti e sostituiti da intonaco. Passarono undici anni e nel 1826 erano pronte le due grandi tele sostitutive:

  • Vincenzo Camuccini (1771-1844) - “L’uccisione di Cesare”;
  • Vincenzo Camuccini (1771-1844) - “La morte di Virginia”.

Riguardo le sovrapporte l’architetto Niccolini affermava che dovevano essere delle tele di soggetto romano per non stonare coi quadri del Camuccini ma, quest’ultimo, volle episodi della vita d’Alessandro, ottenendo l’approvazione del Re. Quando i pannelli furono pronti, il Re ritenne sconveniente che in una sala di marmo si inserissero finti altorilievi, così l’architetto Niccolini li fece realizzare in scagliola dagli scultori Tito Angelini e Gennaro Cali, molto consigliati dal famoso scultore Bertel Thorvaldsen. D’altronde il progetto inziale di Carlo Vanvitelli prevedeva sei sovrapporte ad altorilievo dedicate ad Alessandro Magno.

I quadri del Camuccini, invece, furono portati inizialmente al Palazzo Reale di Napoli, poi alla reggia di Capodimonte e vi si sostituirono due tele in omaggio a Re Carlo di Borbone, fondatore della Dinastia:

  • Gennaro Maldarelli (1795-1858) - “L’Abdicazione al trono di Carlo di Borbone a favore del figlio Ferdinando”
  • Camillo Guerra (1797-1874) - “La Vittoria di Carlo di Borbone alla Battaglia di Velletri”

Solo nel 1850, con la sistemazione delle attuali tele, venne completata la decorazione dell'Anticamera per i non titolati 

Riduci com'era prima Continua a leggere

Gennaro Maldarelli – “L’Abdicazione al trono di Carlo di Borbone a favore del figlio Ferdinando”

Heinrich  “Murat da l’ordine di conquistare Capri”, 1811 – Museo Marmottan Monet

Il dipinto distrutto dai Borbone era simile a questo.

Le tele del Camuccini ora nel Museo di Capodimonte in Napoli

Arredi della Anticamera per i non titolati

Al suo ritorno, Re Ferdinando eliminò tutto ciò che celebrava Murat e Napoleone, ma rimase titubante di fronte ai bellissimi mobili che Giuseppe Bonaparte aveva portato da Parigi, in quanto essi avevano la tappezzeria ricamata con la lettera G di Giuseppe Bonaparte. Pertanto tale lettera fu coperta col monogramma di Ferdinando in modo da salvare tali arredi. Per assurdo, se Napoleone fu estremamente odiato da tutti i sovrani europei i cui regni furono conquistati, lo stile Impero fu estremamente amato da tutti i sovrani europei, che lo mantennero per altri 30 anni.
Il camino è decorato con un Ritratto di Alessandro Magno coronato d’alloro.

Le poltrone ed i due troni provengono dal Palazzo delle Tuileries in Parigi, andato poi bruciato. Sono di Desmalter con tappezzeria Gobelins.

Straordinario orologio con calendario e fasi lunari. Purtroppo fu danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale

Dettaglio del camino: un cammeo con il profilo di Alessandro Magno con sfingi ai lati. Il cammeo ha la testa in carrara, la base in porfido egiziano, la corona d’alloro in bronzo dorato. Le sfingi sono in marmo nero.

Console in stile impero, con grifoni acquile e fiaccole

Indice delle Sale

Mancano le pagine di alcune Sale che verranno pubblicate prossimamente

  • Il Boudoir della Regina Maria Carolina
  • La Biblioteca Palatina
  • Sala d'udienza della Regina (detta “Sala dell’età dell’oro”)
  • Salotto della Regina Maria Carolina (detta “Seconda Sala di Lettura”)
  • Sala delle Dame (ex Studio della Regina Maria Cristina)
  • Guardaroba della Regina Maria Cristina (detta “Prima Sala di Lettura della Biblioteca”)

Mancano le pagine di alcune Sale che verranno pubblicate prossimamente

    • Il Presepe Reale 
    • Sala dei Modelli Architettonici (i Progetti Originali, ed i Plastici Del Progetto di Reggia e Parco.)
    • Sala da Pranzo detta “Sala Dell’autunno”
    • Sale di Svago (Sale da Gioco e Relax Per i Reali ed il Personale)
    • Cappella e Salottino di Papa Pio ix
    • Sala dei Porti
    • Sale intermedie

Mancano le pagine di alcune Sale che verranno pubblicate prossimamente

Reggia di Caserta - Sito non ufficiale
Don`t copy text!
Torna su